Uscita di "casa"

Fango , fango ed ancora fango , ma soprattutto ... fango!
Ciò che di più divertente si può fare in off-road con 2 ruote (ma anche 4 , perchè no!)

Uscita di "casa"

Messaggiodi mwinani il Sab Gen 15, 2011 12:41 pm

Che ne dite di un'uscitina in zona Fossombrone e d'intorni per il prossimo weekend? In questo periodo (per fortuna), la mia settimana lavorativa si è riempita per cui devo spostare le attenzioni verso il sabato e la domenica, possibilmente.

La mia idea è di fare un giretto facile di ricerca percorsi (con cartina militare al seguito). Nel caso ci fosse la partecipazione degli esperti (quelli con le moto rosse del club :alien: ), si potrebbe estendere il giro verso Monteguiduccio con passaggi più tecnici e giro più lungo, compensato dalla maggior scorrevolezza dovuta alla conoscenza del percorso.

In caso di tempo infame si può puntare su sabato 29, in modo da avere la domenica libera per il raduno del Catria.

Anche per questo weekend preferirei puntare più su sabato che domenica perché sono ancora fortemente attratto dal bike expo di Verona, moglie e fattibilità viaggio pullman permettendo :roll:
Oltre a farsi una bella panoramica del parco circolante e delle novità, al bike expò c'è sempre la possibilità di fare buoni affari e trovare offerte strepitose. Ricordo ancora la mia ricerca affannosa di un bancomat che avesse ancora disponibilità di contante fuori dalla fiera di Padova (all'epoca era lì) e solo al 6-7° tentativo riuscii a trovarne uno.
VFR750F '86: THE WHITE LADY; CIBBIERRE 600 '87; APRILIA SXV 550 87: L'IGNURANTE!!; SILVIA '96 ZENKI
460 CV, 10 ruote, 58 valvole, 10 alberi a cammes, 14 candele e 6 terminali di scarico!

http://WWW.DELMORO.NET http://blog.libero.it/SCOMPASSANDO

Immagine
Avatar utente
mwinani
 
Messaggi: 2250
Iscritto: Gio Gen 04, 2007 8:33 pm
Località: CALCINELLI

Re: Uscita di "casa"

Messaggiodi Nemo il Sab Gen 15, 2011 1:25 pm

Ciao, io ci sono. Eravate più orientati per il sabato o la domenica? Posso estendere l'invito? Aspetto notizie.

ALberto
Nemo
 
Messaggi: 19
Iscritto: Ven Gen 30, 2009 7:38 pm

Re: Uscita di "casa"

Messaggiodi mwinani il Lun Gen 17, 2011 10:10 pm

Certo che si può.
Come detto l'idea è più per il sabato anche se rimaniamo fluidi perché ancora non lo so nemmeno io che fare di preciso.

Il tempo è perfetto: per il weekend è prevista di nuovo neve :-)

Stay tuned
VFR750F '86: THE WHITE LADY; CIBBIERRE 600 '87; APRILIA SXV 550 87: L'IGNURANTE!!; SILVIA '96 ZENKI
460 CV, 10 ruote, 58 valvole, 10 alberi a cammes, 14 candele e 6 terminali di scarico!

http://WWW.DELMORO.NET http://blog.libero.it/SCOMPASSANDO

Immagine
Avatar utente
mwinani
 
Messaggi: 2250
Iscritto: Gio Gen 04, 2007 8:33 pm
Località: CALCINELLI

Re: Uscita di "casa"

Messaggiodi mwinani il Ven Gen 21, 2011 12:36 am

Come temevo la somma degli impegni mi ha portato ad impegnare anche il sabato.

Visto che il tempo promette benissimo io punterei tutto su domenica mattina. Possibilmente verso le 9 così c'è il tempo di partire con calma e fare un bel giro e tornare a casa ad un'ora decente e onorare gli impegni familiari :mrgreen:
VFR750F '86: THE WHITE LADY; CIBBIERRE 600 '87; APRILIA SXV 550 87: L'IGNURANTE!!; SILVIA '96 ZENKI
460 CV, 10 ruote, 58 valvole, 10 alberi a cammes, 14 candele e 6 terminali di scarico!

http://WWW.DELMORO.NET http://blog.libero.it/SCOMPASSANDO

Immagine
Avatar utente
mwinani
 
Messaggi: 2250
Iscritto: Gio Gen 04, 2007 8:33 pm
Località: CALCINELLI

Re: Uscita di "casa"

Messaggiodi dr_stocca il Dom Gen 23, 2011 9:47 pm

Ciao Paolo,
sono rientrato ora dalla settimana bianca;
ci sentiamo prossimamente per buttare giù un giretto.
La mia 'capretta' ha appena fatto il tagliando.

Stefano
ImmagineImmagine
Avatar utente
dr_stocca
 
Messaggi: 943
Iscritto: Lun Ott 16, 2006 10:41 pm
Località: Mondolfo

Re: Uscita di "casa"

Messaggiodi mwinani il Lun Gen 24, 2011 3:59 pm

Immaginavo che eri in mezzo alla neve infatti ho fatto quella ipotesi ieri coi ragazzi che mi chiedevano di voi.

Siamo stati anche noi in mezzo alla neve ieri!!
Stasera se riesco faccio un piccolo reportage. Ancora mi ridono le orecchie. :alien:
VFR750F '86: THE WHITE LADY; CIBBIERRE 600 '87; APRILIA SXV 550 87: L'IGNURANTE!!; SILVIA '96 ZENKI
460 CV, 10 ruote, 58 valvole, 10 alberi a cammes, 14 candele e 6 terminali di scarico!

http://WWW.DELMORO.NET http://blog.libero.it/SCOMPASSANDO

Immagine
Avatar utente
mwinani
 
Messaggi: 2250
Iscritto: Gio Gen 04, 2007 8:33 pm
Località: CALCINELLI

Re: Uscita di "casa"

Messaggiodi mwinani il Mer Gen 26, 2011 2:03 am

Avevo promesso che col ritorno del brutto tempo si sarebbe usciti di nuovo. Dopo le abbondanti piogge di giovedì notte, di tutto venerdi e di sabato mattina, che appena all'interno di Calcinelli si sono concretizzate sotto forma di una abbondante coltre di neve, le premesse c'erano tutte e puntualmente domenica mattina ci siamo trovato in piazza alle 9 con il cielo che prometteva bene e la mite temperatura di 1-2 gradi.
Dopo un minibriefing con lo sfondo del cappuccino si arte dopo aver scambiato i saluti e 4 chiacchiere con i temerari dragoni che si apprestavano a far rotolare le loro gomme sull'infido asfalto.
Il giro è il "mio" solito che parte praticamente da dietro casa.
C'è qualche preoccupazione per la zona delle Cesane che immaginiamo ricoperte di neve e dalla dubbia percorribilità, nonché per la zona meno conosciuta: quella a sud del Metauro verso Tarugo e il Monte Paganuccio in cui, nonostante la cartina militare che mi sono fotocopiato, ho timore di perdermi e di far perdere tempo. Tutti timori che si riveleranno infondati.
Verso le 9,25 si parte: Aprilia SXV 5.5, Suzuki DRZ400 e KTM400.
Via per stradine secondarie e bianche attraverso saliscendi fino a Bargni, senza riuscire a scaldarci, anzi. Poi inizia il primo tratto "dicertente". Un pezzetto di sterrato semplice, una salitina sulle foglie bagnate e finalmente il sangue inizia a scorrere caldo nelle vene. Un bel discesone dove sentivo la mia ruotona anteriore fare rumore di ventosa mentre si appiccicava al morbido fango chiaro, e mentre se ne staccava rotolando. Ho scelto la via meno acquitrinosa ma ugualmente fangosa. Senza grandi difficoltà, ma con molta cautela arriviamo in fondo con le ruote che sembrano delle grosse caciotte semilenticolari simili a quelle dei quad. Si riprende a salire e dopo aver visto i primi spruzzi biancastri qua e là, scollinaiamo sulla strada di pietra e ci troviamo in mezzo ad un paesaggio surreale. Tutto intorno a noi è tutto bianco e tratti ghiacciati rendono impegnativo anche stare in piedi da fermi.
Dopo un breve, ma insidioso perché ghiacciato, tratto d'asfalto, il percorso prevederebbe una ripida rampa di terra entro la quale, zigzagando, l'acqua ha scavato un profondo solco. Provo a saggiarla, ma dopo 10 minuti ci rendiamo conto che avremmo speso tutta la mattinata per percorrere quei 200 metri, così proviamo a trovare più avanti delle strade alternative. Ne imbocchiamo una veramente allettante sulla quale troviamo una inaspettata trazione che ci consente di arrampicarci lungo una ripida costa senza sapere bene se sotto di noi vi sia un sentiero, il bosco o un campo coltivato. Lo spassore delle neve infatti oscilla tra i 20 e i 30 cm. Al termine della salita, quando ormai pensiamo di aver pressoché raggiunto la strada che avevamo dovuto abbandonare prima, ci troviamo di fronte un grande campo che sovrasta la cima di una collina. Provo ad affrontarlo per vedere cosa vi sia sull'altro versante, ma ben presto devo desistere, sono infatti in mezzo ad un campo arato, la neve supera le pedane, la pendenza a salire e laterale è troppa, la moto sbuffa e mugola che mi fa tenerezza. Con un po' di fatica e di apprensione giriamo le moto e torniamo sui nopstri passi. Un aspetto molto gustoso ed affascinante è che bisognava accelerare parecchio, in prima o seconda anche per andare in discesa, per vincere l'effetto frenante della neve.
Siamo di nuovo sull'asfalto ghiacciato e procediamo fino a Fontecorniale. Di lì imbocchiamo lo sterrato che passa di fianco ai ripetitori e conduce fino nei pressi di Monteguiduccio da dove, evitando i "fossi" avremmo preso la direzione delle Cesane.
Il ghiaccio e la neve abbondano e stare in piedi sulle pedane è difficoltoso e poco consigliabile vista la facilità con cui si "perde" l'anteriore, sempre pronto a seguire le canale ghiacciate, scavate dalle ruote di qualche auto fuoristrada. Arrivati al ripetitore fatico ad individuare la "retta via". Qui la neve supera i 40 cm e la ruspa spalaneve ha terminato qui il suo lavoro.
Dopo aver provato ad avanzare nella neve fresca con tratti in cui, con gli accumuli provocati dal vento si superavano i 50 cm di profondità, abbiamo di nuovo girato le moto (molto più facile a dirlo che a farlo). Siamo scesi da Fontecorniale verso Capoville e di lì imboccato un sentiero ridido e viscido in discesa. I ragazzi ogni tanto scendevano dalla moto per vedere da vicino la consistenza e la tenuta del terreno, poi rassicurati dalla morbidezza risalivano in sella e si riprendeva il percorso che come per magia era ricoperto di fango senza l'ombra della neve a sole poche centinaia di metri da dove la stessa ci aveva bloccati. Giù in fondo arriviamo in una gran pozza di fango provocando l'ilarità di 3 spettatori che ci guardano sguazzare passare sotto la crosta marrone che ci ricopre. Una gru sta ripulendo l'asfalto da una delle tante frane che che sono scese per via delle fortissime precipitazioni. Torniamo a "lavarci" nella neve a Fontecorniale e a prendere in discesa la strada che avremmo voluto percorrere in discesa. Ormai si avvicina l'ora del rientro ma non vogliamo perderci lo sfizio di quei 2-3 km di neve fresca e l'ultimo tratto nel fosso coperto di arbusti abbattuti dal peso della neve. Ormai siamo belli caldi e la discesa verso Bargni, seppure affrontata lungo la via delle pozzanghere avviene con velocità e sicurezza. Tra l'altro il fondo, ove il fango non è troppo pesante è di una straordinaria compattezza e in alcuni tratti più aperti l'aprilia ha potuto godere l'ebrezza dei 9-10000 giri in seconda e in terza con grande soddisfazione di chi la cavalcava. Anche le altre moto, seppur appesantite del fango hanno danzato lungo le curve sterrate che da sotto Montemontanaro portano a Bargni prima e da lì a Serrungarina e Saltara.
Alle 12,54 entro in casa. Alle 13,27 ho già in mano la forchetta con i tagliolini ai frutti di mare che mia madre aveva preparato per onorare il suo compleanno a Marotta.

La mia macchinetta stavolta è morta definitivamente, ma qualche foto dovrebbe essere venuta col cellulare.

Aspetto con trepidazione la pubblicazione. Dal canto mio ho cercato di rendere l'emozione di un giro nato senza grandi pretese ma che ha saputo regalarci una splendida mattinata che ci ha donato molto di più del sacrificio fatto per alzarsi di buon'ora e per affrontare il primo freddo della mattina.

PS. Mi rimane sempre da esplorare la zona Tarugo - Paganuccio, ma di quello se ne parlerà in una prossima puntata (a breve).
VFR750F '86: THE WHITE LADY; CIBBIERRE 600 '87; APRILIA SXV 550 87: L'IGNURANTE!!; SILVIA '96 ZENKI
460 CV, 10 ruote, 58 valvole, 10 alberi a cammes, 14 candele e 6 terminali di scarico!

http://WWW.DELMORO.NET http://blog.libero.it/SCOMPASSANDO

Immagine
Avatar utente
mwinani
 
Messaggi: 2250
Iscritto: Gio Gen 04, 2007 8:33 pm
Località: CALCINELLI

Re: Uscita di "casa"

Messaggiodi fabio7486 il Mer Gen 26, 2011 5:48 pm

mwinani ha scritto:Ne imbocchiamo una veramente allettante sulla quale troviamo una inaspettata trazione che ci consente di arrampicarci lungo una ripida costa senza sapere bene se sotto di noi vi sia un sentiero, il bosco o un campo coltivato. Lo spassore delle neve infatti oscilla tra i 20 e i 30 cm. Al termine della salita, quando ormai pensiamo di aver pressoché raggiunto la strada che avevamo dovuto abbandonare prima, ci troviamo di fronte un grande campo che sovrasta la cima di una collina. Provo ad affrontarlo per vedere cosa vi sia sull'altro versante, ma ben presto devo desistere, sono infatti in mezzo ad un campo arato, la neve supera le pedane, la pendenza a salire e laterale è troppa, la moto sbuffa e mugola che mi fa tenerezza. Con un po' di fatica e di apprensione giriamo le moto e torniamo sui nopstri passi.


ecco le foto fatte dopo una dura sconfitta della forza della neve
002.jpg

001.jpg

004.jpg


il giro è stato bello e divertente, aspetto con ansia la seconda puntata, spero non sia troppo tardi, ma neanche troppo presto perchè al ritorno a casa mi sono accorto che la forcella mi perdeva olio...ora devo trovare il tempo per sistemarla.
:lol:
grazie paolo per il giretto mattutino.
ciao :mrgreen:
Non hai i permessi neccessari per visualizzare gli allegati in questo messaggio.
un po di "moto" al giorno toglie il medico di torno...

il mio lavoro ...-> http://www.legnotech.net/
Avatar utente
fabio7486
 
Messaggi: 24
Iscritto: Ven Ago 14, 2009 9:52 am
Località: pesaro

Re: Uscita di "casa"

Messaggiodi dr_stocca il Mer Gen 26, 2011 7:07 pm

Bravi ragazzi,
veramente un bel giretto in off con la neve.
Rivedo con piacere una vecchia conoscenza .... Ktm400 in mimetica ... :D :D

Ho ritirato ieri la capretta dal meccanico per il tagliando,
ho messo un pignone con un dente in meno , così la seconda è più corta e la moto dovrebbe salire meglio sul fango o sulla neve.

A presto per un giretto 'in casa' .

Stefano

PS: I miei complimenti ad Alberto, sta portando il DRZ davvero dappertutto!
Alcuni amici hanno fatto la 'salamandra' in salita, che dite, ci proviamo? :shock:
:D :D :D
ImmagineImmagine
Avatar utente
dr_stocca
 
Messaggi: 943
Iscritto: Lun Ott 16, 2006 10:41 pm
Località: Mondolfo

Re: Uscita di "casa"

Messaggiodi mwinani il Dom Gen 30, 2011 9:44 am

Aspettiamo che il torrente sia completamente ghiacciato, altrimenti che gusto c'è??? :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

Sicuramente si fa, la vedo un po' dura solo per la rampetta di 4-5 che c'è all'inizio (scendendo), dove in discesa scendete sempre tutti dalla moto. Senza un traino potente la vedo dura superarla partendo da fermi da dentro al ruscello. :|

Per smagonare ci sono un paio di posti anche qua, per arrivare a Monteguiduccio, dove stavolta NON siamo riusciti ad arrivare (e comunque li avrei saltati, viste le condizioni, anche senza neve).

Uno è questo:

http://www.fossolupo.it/
VFR750F '86: THE WHITE LADY; CIBBIERRE 600 '87; APRILIA SXV 550 87: L'IGNURANTE!!; SILVIA '96 ZENKI
460 CV, 10 ruote, 58 valvole, 10 alberi a cammes, 14 candele e 6 terminali di scarico!

http://WWW.DELMORO.NET http://blog.libero.it/SCOMPASSANDO

Immagine
Avatar utente
mwinani
 
Messaggi: 2250
Iscritto: Gio Gen 04, 2007 8:33 pm
Località: CALCINELLI

Re: Uscita di "casa"

Messaggiodi dr_stocca il Dom Gen 30, 2011 12:22 pm

Hai ragione,
farebbe passare la voglia di fare enduro anche a Giò Sala!

:lol: :lol: :lol: :lol:
ImmagineImmagine
Avatar utente
dr_stocca
 
Messaggi: 943
Iscritto: Lun Ott 16, 2006 10:41 pm
Località: Mondolfo

Re: Uscita di "casa"

Messaggiodi mwinani il Dom Gen 30, 2011 11:46 pm

Poco lontano dalla piscina c'è il fosso vero.
C'è un guado tipo quello che abbiamo fatto a marzo scorso però poi c'è un bel canalone grosso, lungo e viscido in salita che, sono sicuro, farebbe la gioia del nano :mrgreen:
VFR750F '86: THE WHITE LADY; CIBBIERRE 600 '87; APRILIA SXV 550 87: L'IGNURANTE!!; SILVIA '96 ZENKI
460 CV, 10 ruote, 58 valvole, 10 alberi a cammes, 14 candele e 6 terminali di scarico!

http://WWW.DELMORO.NET http://blog.libero.it/SCOMPASSANDO

Immagine
Avatar utente
mwinani
 
Messaggi: 2250
Iscritto: Gio Gen 04, 2007 8:33 pm
Località: CALCINELLI

Re: Uscita di "casa"

Messaggiodi dr_stocca il Lun Gen 31, 2011 4:40 pm

mwinani ha scritto:Poco lontano dalla piscina c'è il fosso vero.
C'è un guado tipo quello che abbiamo fatto a marzo scorso però poi c'è un bel canalone grosso, lungo e viscido in salita che, sono sicuro, farebbe la gioia del nano :mrgreen:


Allora bisogna adarci subito !!

Lo sai che godiamo troppo quando il Nano si inc###a!!! :twisted: :twisted:

Come dice la pubblicità :
"Una moto da enduro : qualche migliaia di euro
abbigliamento tecnico : diverse centinaia di euro
vedere il Nano Inca##ato: NON HA PREZZO!"

Immagine

Il Nano che ì'smoccola' mentre Pumba gli porta su la moto
ImmagineImmagine
Avatar utente
dr_stocca
 
Messaggi: 943
Iscritto: Lun Ott 16, 2006 10:41 pm
Località: Mondolfo


Torna a Dragoni nel Fango

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessun iscritto e 2 ospiti

cron